L'Emozione Oscura

Oggi vi vorrei riproporre un mio post pubblicato un anno fa su un altro mio blog, e trovato pochi minuti fa per caso, mentre stavo cercando altro.

A volte queste emozioni arrivano e ci travolgono. Sta a noi accettarle e affrontarle.

Io lo sto facendo con l'aiuto di un'amica e dei Fiori di Bach

Ma ora Buona Lettura...

 

La Depressione è un masso oscuro sul cuore.

È svegliarsi al mattino con un sospiro accorato perché ti vedi una lunga giornata davanti a sé.

Non avere voglia di vedere niente e nessuno.

Anche quando sei felice (perché a volte capita), una sottile malinconia pervade costantemente la tua esistenza.

 

Cosa ci porta alla Depressione?

Forse dei problemi irrisolti del passato, forse non avere un gruppo familiare che ci sostiene,  dei riti di passaggio che ci dicano chi siamo, che posizione occupiamo in questo tempo.

 

Siamo sbandati in questo tempo, e questo ci disorienta.

Non abbiamo nessuno a cui trasmettere la nostra esperienza di questa vita,  ciò per cui siamo vissuti e per cui combattiamo.

In un tempo passato noi eravamo figli e genitori nello stesso tempo, ora non lo siamo di nessuno.

 

Siamo sbandati nel mondo, e ne abbiamo paura.

Troppe informazioni ci arrivano, non siamo abbastanza schermati.

 

E lentamente ne moriamo

 

Oppure chiudiamo occhi ed orecchie per non esserne feriti.

Apparentemente c’e solo un’alternativa: diventare cinici o esserne sopraffatti.

 

È possibile che si riduca solo a questo? 

Io non ho una soluzione, o una ricetta, vi posso solamente raccontare la mia, per i  momenti neri.

Non ci si deve arrendere,  mai abbassare la guardia, la si deve combattere giorno per giorno, ogni momento.

Accettare,  anche se è faticoso, il bello che la vita ci offre a piene mani.

Cercare la compagnia altrui, ma non affannosamente,  come se ci mancasse l’aria, come se fossero un’ancora di salvezza.

Anche il resto del mondo ha i propri problemi, non ha voglia né tempo per occuparsi anche dei tuoi.

Ma un sorriso sincero ci salva la vita

 

Camilla


 

Scrivi commento

Commenti: 0