7 + 1 Fiori di Bach per essere Felici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Durante la  mia lettura quotidiana dei vari blog nel vasto mondo del web, sono incappata in un post di Tamara Star sull’Huffington, dove lei parla delle 7 abitudini degli infelici cronici.

Come lei stessa scrive, può capitare a tutti di cascarci in queste funeste abitudini, l’importante è uscirne velocemente.

Il suo articolo mi ha incuriosito a trovare quali Fiori di Bach ci potrebbero aiutare.

Sia ben chiaro, sto giocando, durante un colloquio con una cliente non farei mai così.

Il mio è solo un esercizio mentale, per “affinare la mia Arte”, infatti sceglierò un solo Fiore per punto.


1, La tua impostazione predefinita è che la vita è dura.

Qui non si racconta nulla di nuovo. Lo sappiamo tutti che vivere non è uno scherzo, ma ci sono molti modi per affrontare la vita. Piangendosi addosso, come scrive la Star nel suo post, oppure affrontarla con un sorriso, come il Matto dei Tarocchi.

LA lista dei fiori di Bach che mi viene in mente è lunga: uno tra tutti,  Willow, per chi incolpa il mondo intero delle sue pene, ma mai se stesso.

E per questo ci si occupa meno di ciò che, invece, ci potrebbe dare piacere. Questo Fiore dona Gioia e Speranza.

 

2, Sei convinto che della maggior parte della gente non ci si possa fidare.

A volte anch’io ho questo pensiero, ma poi mi dico, Perché dovrebbero fregarmi?”. Oddio, nella vita ho avuta anch’io la mia buona dose di fregature, ma ho incontrato anche tanta brava gente che mi ha dato una mano.

Fiore consigliato? Holly, perché stimola l’Amore incondizionato vero il prossimo. E questo ci rende aperti a conoscere gente nuova, e a fare nuove esperienze.

 

3, Ti concentri su ciò che non va nel mondo, invece che su ciò che va bene.

Quando leggo frasi simili mi viene subito in mente Gentian. A volte si preferisce vedere l’aspetto negativo di un fatto, per quanto possa essere insignificante, invece di quello positivo. Questo fiore ci porta una ventata di fiducia.

 

4, Nel paragonarti agli altri, covi invidia.

Da che mondo è mondo, il giardino del nostro vicino è sempre più verde (due frasi fatte in un’unica frase, invidiatemi!).

Per questo punto faccio fatica a trovare un fiore. O meglio, me ne vengono in mente tanti, e tra questi Larch: per chi si considera meno abile degli altri, e quindi pensa che, se proverà a tentare un’impresa, sicuramente fallirà. So che mi direte: non è un fiore dell’Invidia, e avete ragione. Ma quanti di noi si sentono così?!?

 

5, Ti sforzi di tenere tutta la tua vita sotto controllo.

E’ inutile cercare di tenere tutto sotto controllo, personalmente non mi riesce mai. Inoltre è molto faticoso. Meglio rompere gli schemi e vedere come va.

Rock Water è il fiore giusto per chi, appunto vuole tenere tutto sotto controllo, e ha invece bisogno della fluidità dell’acqua nella sua vita.

 

6, Guardi al futuro con un misto di preoccupazione e di timore.

Ahimè, in questo momento, tutto ciò è molto attuale. La maggior parte di noi si alza il mattino con una lista infinita di preoccupazioni per il futuro.

Mimulus ci aiuta ad affrontare le nostre paure quotidiane con un sorriso sulle labbra, e ad affrontarle una per volta, senza demoralizzarci.

 

7, Riempi le tue conversazioni di pettegolezzi e lamentele.

Ho notato che chi segue questo ultimo punto, è di solito molto solo, e ha bisogno di riempire lo spazio chiacchierando con chiunque gli capiti vicino.

Heather aiuta a diventare buoni ascoltatori e, a volte dei buoni consiglieri, perché riusciamo a capire le esigenze di chi sta vicino.


+1 (sempre preso dal post):

Sulle pagine di Psychology Today, Sonja Lyubomirsky, ricercatrice dell'Università della California, sostiene che:

"Il 40 per cento della nostra capacità di esser felici si trova entro il nostro raggio d'azione".

Cerchiamo la felicità sempre al di fuori di noi, in un futuro nebuloso, ed invece molto spesso è al nostro fianco. Clematis ci riporta nel Qui e Ora, facendocelo apprezzare particolarmente, anche perché portiamo con noi, un mondo ricco di sogni e progetti.

 

Quindi i Fiori di Bach possono darci una mano ad uscire da uno stato di infelicità cronica?

Penso proprio di si, l'importante però è volerlo veramente!

Camilla

 

Scrivi commento

Commenti: 0