Il mio momento sacro

Il momento più prezioso della mia giornata è il mattino, quando mi sveglio.

Mi alzo molto presto, porto giù Lila (la mia micro cagnolina), faccio colazione, e... ritorno a letto.

 

Il condominio dorme ancora, si sentono solo gli uccellini cinguettanti, che banchettano sotto la mia finestra.

 

E' il mio momento ideale per dedicarmi a leggere, scrivere, organizzare la mia giornata e, soprattutto, prepararmi ad affrontarla nel migliore dei modi.

 

Per me è importante regalarmi questi preziosi momenti di pace e silenzio.

Vivendo a Milano, non ce ne sono poi così tanti!

 

Inizio la mattina, scrivendo: quello che ho fatto il giorno prima, e quello che ho in mente di fare durante la giornata.

Scrivere mi aiuta a fare il punto della situazione.

Mi aiuta anche ad essere consapevole di ogni momento della giornata, passata e presente.

Il quaderno è il mio muro del pianto, il mio confidente, ma anche il mio organizer.

 

Ma il mattino presto è dedicato anche alla lettura. Non posso assolutamente partire se non ho letto qualche pagina.

Non libri su cui lavoro o studio, ma qualche pagina di un romanzo, solo per il piacere di leggere.

 

E' importante crearsi un proprio spazio durante la giornata, dove isolarsi da tutto e da tutti, e rientrare in sè stessi.

Spesso si tende a dimenticare quanto siamo importanti, e questo è un piccolo atto per non dimenticarcelo.

 

Questo è il mio spazio, ma ognuno deve crearsi il suo.

C'è chi lo trova nella meditazione o nella preghiera.

Ho appena scoperto, che c'è chi lo trova, invece, addirittura correndo!

 

Avete voglia di raccontarmi qual'è il vostro?

 

Camilla

 

 

 

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0