Attimi fuggenti profumati di felicità

In questi giorni sto leggendo “Vivere con lentezza” di Bruno Contigiani, fondatore del sito omonimo, e ideatore del movimento omonimo. Bellissimo libro, scritto con molto garbo ed ironia. Ma c’è stata un frase che mi ha colpito , e mi ha lasciato per alcuni momenti bloccata su quelle parole... Attimi fuggenti profumati di felicità... il solo sciogliersi del suono delle parole sulla lingua, è una dolce momento.

Ma che cosa sono, vi chiederete: sono momenti di felicità assoluta, perfetta che, troppo spesso, ci lasciamo sfuggire in un mondo troppo spesso frenetico.

 

Si ricordano volentieri i momenti tristi, si raccontano agli amici, quando li incontriamo, e ci chiedono... “come va?!?

Ma spesso e volentieri , dimentichiamo di appuntarci, invece, quelli felici che ci rendono più lieta la giornata.

 

Una tecnica che uso spesso durante le mie consulenze, con clienti pessimisti, è di chiedere loro di scriversi su un quaderno almeno due cose belle che gli sono successe quel giorno. Può essere un incontro con una persona che non vedevano da anni, un gelato, o semplicemente un sorriso di un bimbo che ha rallegrato loro la giornata.

 

Quindi, chiedo loro di scrivere subito dopo, due cose belle che vogliono fare il giorno dopo.

Non deve essere un’azione eclatante, anche una piccola cosa, come regalarsi una rivista patinata o, invece di prendere la metropolitana, farsi quattro passi a piedi in una bella giornata primaverile.

 

Dopo qualche tempo, tutti mi dicono che questa piccola abitudine, li rende più ottimisti e sereni nell’affrontare la giornata.

 

La prossima volta, quindi, che la nostra mente inizia a mugugnare, un bel BASTA!!!, e al suo posto un pensiero felice.

 

Ed ora la mia lista di attimi fuggenti profumati di felicità di questi ultimi giorni

 

• Andare a letto la sera, coprirmi con la mia coperta lavorata ai ferri, i miei animali che si accocolano al mio fianco, ed un buon libro come unica compagnia

• Godermi un bel gelato pistacchio e cioccolato, dopo una lunga giornata di lavoro, sotto la gelateria di casa mia (questo è un piacere intenso)

• Passare un pomeriggio primaverile, sotto una magnolia, a scrivere questo post

• Andare alla mostra di Andy Warhol e, alla fine, nel bookshop, ti regalano una monografia dedicata a lui ( che volevi acquistare)

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0