In memoria della mia Zincite

zincite
zincite

Ieri notte la mia Zincite si è spaccata.

Mi dispiace, direte voi, ma non è poi una tragedia da farne un post!

 

E invece per me lo è.

Era un bellissimo pezzo rosso, talmente scuro da sembrare quasi nero, ed era una dei minerali della mia collezione tra i più preziosi, ed a me più cari.

 

Inoltre ha una storia molto particolare.

 

La prima volta che lo vidi, lo possedeva la mia amica Anna del centro Manipura (non vi posso mettere il suo link, perché sia lei che il suo sito, non sono più tra di noi).

Entrai subito in sintonia con quel pezzo, sentivo la sua energia anche a chilomentri di distanza.

Le chiesi quindi di vendermelo.

 

Domanda più che legittima, visto che il suo era un negozio on line di vendita minerali, ed io all'epoca facevo la cristalloterapeuta.

Era arrivato anche a lei per caso, in uno scatolone di "scarti". La Zincite, in generale è un cristallo piuttosto costoso, e quella era grossa, quindi non sapeva che prezzo farmi e, probabilmente, voleva tenerselo per sé.

 

Ne entrai in possesso nel modo più tragico possibile: la mia amica morì e tutti i suoi cristalli vennero venduti.

 

Da allora mi ha sempre accompagnato, in bella vista sulla mia scrivania.

 

Ed ora arriviamo all'altra notte:

 

Paciock, il mio gatto folle, da qualche giorna pernotta sulla scrivania.

Durante la notte, non so per che motivo, ha iniziato a dare di matto ed è schizzato via dalla stanza. 

Mi sono svegliata per il rumore, per terra c'erano quaderni, agenda, penne ed un paio di vasi in terracotta fatti da me, e la mia Zincite. Apparentemente non si era rotto nulla.

 

Apparentemente, appunto.

 

Un paio d'ore dopo, sento un altro forte rumore nella stanza, ma questa volta non per colpa di Paciock.

Vado a vedere, e trovo la mia bella pietra spaccata esattamente in due pezzi,  e un terzo frammento più piccolo.

Non ho parole.

Raccolgo il tutto (vibrano molto forte, quasi scottano), li porto sul terrazzo, e li lascio lì alle cure della Luna, del Sole e della Pioggia.

 

Stamattina vado a recuperarli, l'energia è più tranquilla, perfino il colore è cambiato: dal rosso cupo si è trasformato in un rosso aranciato.

 

Il pezzo più piccolo va nella scatola dei tarocchi.

 

Non mi sono arrabbiata con Paciock, o con la malasorte.

Credo che non succeda nulla per caso. 

 

Ma mi rimane una domanda in fondo al cuore:

Perché? 

La zincite mi ha accompagnato dal mio inizio come terapeuta, fino ad ora.

E' forse ora l'inizio di qualcosa d'altro?

 

Voi che ne pensate?

 

Camilla

 

 

 

 

 

0 Commenti

Come funzionano i Trattamenti di scorrimento dei Bars?

 

 "Tutto nella vita ti viene

con facilità, gioia e gloria"

Che cosa sono i Bars?

"Ci sono 32 barre di energia che scorrono attraverso ed intorno alla testa.

Esse immagazzinano tutti i componenti elettromagnetici di ogni pensiero, idea, attitudine, decisione e credenza che hai avuto su ogni cosa. 

Lo scopo dei Bars è mostrare alle persone che è veramente possibile rimanere sdraiati e ricevere.

Far scorrere i tuoi Bars, significa che quando i 32 punti sulla tua testa vengono gentilmente toccati, rilasciano senza sforzo e con facilità, tutto ciò che non ti permette di ricevere.

Se vuoi avere quello che veramente desideri devi essere disposto a ricevere.

 

Come funziona il processo?

Lo scorrimento dei Bars è un processo semplice e non invasivo.

Il Facilitatore tocca leggermente ogni punto sulla testa per ottenere il rilascio dell’energia. 

Ricevere questo processo (cioè ricevere lo scorrimento dei propri Bars), ti lascia abitualmente con un senso di pace e di spazio e la sensazione di avere altre possibilità che si aprono per te.

E’ un incredibile processo di nutrimento e di rilassamento, che disfa le limitazioni in tutti gli aspetti della tua vita, senza nessuno sforzo. Come minimo, ti sentirai come se avessi ricevuto il massaggio più rilassante della tua vita.

Come massimo, tutta la tua vita può cambiare in qualcosa di più grande con totale facilità.

Ogni pensiero, idea, attitudine, decisione e credenza che hai fissato in posizione, solidifica l’energia e limita – a quella parte della tua vita – la tua capacità affinché questa possa mostrarsi così grande, facile e gioiosa come potrebbe realmente essere.

 

Toccando con leggerezza questi punti sulla testa, la carica elettromagnetica viene sciolta e le barriere energetiche si dissolvono.  Sciogliere i blocchi di energia o come cancellare vecchi files dal tuo computer. Hai più spazio per creare qualcosa dei nuovo e meraviglioso con strumenti molto più aggiornati.

 

Lo scopo dei Bars, è quello di insegnare alle persone che è veramente possibile stare sdraiati e ricevere.

Il ricevere non viene praticato su questo pianeta.

Fare, fare, fare per essere sicuro che non devi ricevere, questo è quello che si fa qui.

Tutto questo deve cambiare.

Devi essere disposto a ricevere per avere differenti possibilità nella vita.

Nessuna sessione sarà mai uguale all’altra anche se è la stessa persona che ti va scorrere i Bars ogni volta.

Con ogni sessione, si accede a nuove energie, a nuove aree della tua vita e del corpo, tutto questo produrrà l’effetto di facilitare ogni aspetto della vita."

http://access-italia.it/

 

Ho riportato qui sopra le parole del sito di Access, per spiegare meglio cosa sono i Bars.

La prima volta che li ho provati, non ci credevo, ma mi fidavo della persona che me li faceva. Subito dopo il trattamento, mi sono sentita veramente molto più leggera e rilassata.

E, passando i giorni, alcune idee e preconcetti che mi appartenevano, mi sono accorta che erano spariti, non esistevano più in me.

 

Ho quindi fatto i corsi per capire come funzionassero veramente, ed ora fanno parte delle terapie che propongo, insieme alla Floriterapia, ai Cristalli ed ai Tarocchi... e spesso le mescolo tra di loro, come se fossero un mazzo di Tarocchi, lasciatemelo dire,  con ottimi risultati!!!

 

"Sarà tutto quello che hai sempre pensato fosse possibile e tutto quello che hai sempre rifiutato di essere".

Gary Douglas

(Fondatore di Access Consciousness)


 

 

7 Commenti

La memoria del Diamante di Herkimer

Questa mattina, mentre stavo buttando via un pò di cose in vista del trasloco, ho avuto una gradita sorpresa.

Il mio minuscolo, ma luminosissimo, Diamante di Herkimer era lì, sul tavolo dove tengo i miei ciondoli, e mi guardava sornione.

 

Era sparito qualche anno fa, durante delle maniacali pulizie. Mi era spiaciuto molto, perché era arrivato a me per caso.

Su un banchetto, avevo acquistato delle punte di quarzo ialino.

Le avevo portate da una mia amica per fargliele vedere, la mai dimenticata Anna del centro Manipura, e lei lo avevo subito notato spiccare per la sua brillantezza, tra le altre punte biterminate.

 

Non è per caso che è ricomparso...

 

Questo cristallo è considerato la pietra della "sintonia suprema".

Viene donato ad una persona in partenza, o per adattarsi ad un nuovo ambiente.

 

Per i pochi che non lo sanno ancora, mi trasferirò a settembre in un'altra casa...

Strana coincidenza, vero?!?

 

Si pensa che questo minerale possegga una memoria in grado di accumulare informazioni alle quali si può attingere in ogni momento.

 

Narra una leggenda che se due amanti, o due amici, stringono insieme due diamanti di Herkimer, e poi ciascuno ne conserva uno, queste pietre li terranno in comunicazione tra loro, indipendentemente dalla distanza che li separa, mantenendo così il loro legame*.

 

Non so se è vero... non ho mai provato... ma è bello crederci.

 

 

*Marianne Sheldrake, Guarire con i cristalli, ed. Armenia

0 Commenti