Danzando tra i Fiori di Bach

Rock Rose

“la danza pone delle domande al mio corpo, e il mio corpo risponde”

 

 

Domenica, 27 gennaio 2019
ore 9.30 – 13.30

oppure

Martedì, 29 gennaio 2019

ore 9.30 – 13.30

 

Costo: €. 45

Gruppo minimo 4 persone,  massimo 15

 

Mulino WabiSabi

Cortile interno “Mulino Simonetta”
Via Mac  Mahon, 14 Milano (MM5 Cenisio)

Camilla Marinoni: Diplomata presso la Scuola triennale di Formazione e Ricerca in Floriterapia presso L’Unione di Floriterapia  a Milano. Consulente in Fiori di Bach per persone (BFRP) e animali (BFRAP) iscritta nel Registro Internazionale della Dr. Edward Bach Foundation UK.

 

Maura De Mezzo: insegnante, psicomotricista ed esperta in danzaterapia e linguaggi artistici.

 

I Fiori di Bach sono  una «terapia vibrazionale», messa a punto dal medico gallese Edward Bach (1886-1936), nella prima metà del 1900.

Egli scoprì le proprietà terapeutiche di 37 tra fiori e piante spontanee, che crescevano libere nella natura incontaminata, più l’acqua di una fonte sorgiva. Questi rimedi riequilibrano la sfera emotiva attraverso la vibrazione dei fiori che viene impressa, attraverso la solarizzazione o il fuoco, nella memoria dell’acqua.

                                              

Le Danze in cerchio trasmettono la qualità e le emozione di ogni Fiore per ristabilire Armonia ed Equilibrio.

Danzare in cerchio è una forma antica di espressione corporea ed emozionale, e si ricreano le energie positive contenute nelle essenze dei Fiori di Bach.

Anastasia Geng (Lettonia, 1922 – 2002), studiò le danze popolari della sua regione. Durante gli anni ’80 condusse parecchi seminari di danze ispirate al folklore e alla musica del suo paese. Sempre in quegli anni scoprì i Fiori di Bach, incoraggiata da Mechthild Scheffer, fondatrice del Centro Dr. Bach di Amburgo, che aveva intuito da subito la grande forza curativa delle danze di Anastasia, e la connessione con le proprietà armonizzanti delle essenze dei Fiori.

 

Iniziamo questo ciclo di incontri con Rock Rose, che appartiene al gruppo della Paura.

 

Lo abbiamo scelto come primo fiore, perché stiamo vivendo un momento di grande panico collettivo. Il Fiore ci darà la forza di sbriciolare questo muro di terrore, e di vivere appassionatamente e con coraggio la nostra esistenza. 

Rock Rose
Rock Rose